Staff Confconsumatori Puglia
Confconsumatori Puglia
In primo piano
BANCA POPOLARE DI BARI: LA CONSOB SANZIONA PER LE VENDITE DI AZIONI E RAFFORZA LE RAGIONI DEGLI AZIONISTI

Come noto il prezzo di vendita delle azioni della Banca Popolare di Bari è sceso dal massimo storico di 9,53 a 2,38 euro, con una perdita secca di circa il 75% per chi aveva comprato a prezzo pieno. Questa perdita, come noto, ha allarmato la moltitudine dei circa 70.000 azionisti.

Dinanzi a questo peggioramento della situazione, da due anni il Comitato ha già attivato tutti gli strumenti di reazione possibili: azioni dinanzi all’Arbitro delle Controversie Finanziarie ed al Tribunale, che ad oggi hanno visto i risparmiatori ottenere decisioni favorevoli nei confronti delle banche; affiancamento dei risparmiatori in esposti presso Banca d’Italia, Consob e la Procura della Repubblica. In via stragiudiziale, il Comitato ha esercitato un pressing per ottenere dalla BPB un fondo di solidarietà, mutui per azionisti in difficoltà, quotazione su un mercato secondario trasparente.

Oggi è giunta la notizia che la Consob ha formalmente sanzionato la banca ed i suoi vertici per le seguenti ragioni: a) per le modalità di determinazione del prezzo delle azioni durante gli aumenti di capitale varati nel 2014 e nel 2015; b) per omissioni di informazioni nei prospetti informativi di quel periodo; c) perché molti clienti a cui sono state vendute le azioni in quegli anni presentavano un portafoglio inadeguato; d) per carenze procedurali ed errori operativi nella gestione degli ordini di vendita quando vi era ancora il mercato interno.

Tali sanzioni rafforzano giuridicamente le ragioni degli azionisti che intendano agire per recuperare il loro investimento.

A questo punto, riteniamo comunque indispensabile e non più rinviabile un intervento legislativo di tutela degli azionisti della BPB, ma anche ovviamente di tutte le altre banche popolari che abbiano i loro azionisti nelle medesime condizioni. Si propone pertanto pubblicamente un disegno di legge che abbia, in estrema sintesi, i seguenti contenuti:  L’art. 12 comma 7 del T.U.B. riconosce espressamente alle banche la facoltà di emettere prestiti non rimborsabili (oppure rimborsabili solo previa autorizzazione della Banca d’Italia). Con questo provvedimento si consentirebbe ai portatori di azioni (illiquide, non quotate e svalutate) di convertirle in obbligazioni irredimibili, ossia non rimborsabili, che garantiscano però agli azionisti che oggi non riescono a vendere le azioni detenute: 1) sia un rendimento piccolo ma certo (non inferiore al 2% annuo) in quanto garantito anche da apposita polizza assicurativa ; 2) sia un titolo che sia appetibile e quindi scambiabile sul mercato, in quanto appetibile per le sue caratteristiche di strumento di risparmio e non certo di investimento a rischio.

Si allega al presente comunicato il testo integrale della proposta di legge e della relazione di accompagnamento.

Il Comitato proporrà a tutte le forze presenti in Parlamento l’adozione di tale normativa, anche al fine di richiamare alle proprie responsabilità le Istituzioni politiche e tecniche, che sino ad oggi sono rimaste tutte silenti.

Il Comitato con tutte le Associazioni di consumatori componenti ed altre ancora che hanno manifestato la volontà di affiancare il lavoro sin qui svolto, convoca un incontro pubblico, nel corso del quale saranno descritti ai soci tutte le azioni che si stanno svolgendo in sede civile, penale, dinanzi alle Autorità di Vigilanza e da oggi anche in campo legislativo. L’incontro è organizzato insieme alla Camera Arbitrale e della Mediazione di Bari e si svolgerà presso la Camera di Commercio di Bari, Corso Cavour n.2, martedi 30 ottobre alle ore 16.

confconsumatoripuglia@yahoo.it;

Il COMITATO: Adusbef (Avv. Vincenzo Laudadio), Adiconsum (Vincenzo Riglietta), Assoconsum (Dott. Francesco Decanio), Codacons (avv. Alessandro Amato), Codici (Prof. Canio Trione), Confconsumatori (Avv. Antonio Pinto), Unione Nazionale Consumatori (Dr. Andrea Cardinale).

Via Dante 164 - 3511336973 -

Scopri l'iniziativa »

Fondo immobiliare Obelisco: Titoli “sicuri” che crollano dell’80%: Confconsumatori confida nell’intervento di Poste, ma intanto avvia i ricorsi all’Arbitro per le Controversie Finanziarie presso Consob

Bari, 3 ottobre 2018 – Molti risparmiatori stanno assistendo, inesorabilmente, alla drastica riduzione del valore delle loro quote del Fondo Immobiliare chiuso denominato “Obelisco”. Si stimano perdite per l’80% del capitale investito, per questo Confconsumatori si è attivata per offrire da subito assistenza ai consumatori. In particolare, come illustrato di seguito, tramite i ricorsi all’ACF, l’associazione ha già ottenuto esiti transattivi positivi che hanno visto i risparmiatori recuperare tutta la loro perdita. «Si tratta dell’ennesima drammatica vicenda di “risparmio tradito” – afferma Mara Colla, Presidente di Confconsumatori – confidiamo che, prima di tutto, Poste Italiane S.p.A., che ha collocato le quote del Fondo Obelisco anche presso la propria clientela, garantisca, così come ha già correttamente fatto in passato, un adeguato ristoro per i sottoscrittori delle quote del Fondo Obelisco».

 IL RISCHIO NASCOSTO - Il Fondo “Obelisco” è stato istituito nell’anno 2005 con delibera del Consiglio di Amministrazione dell’allora Investire Immobiliare SGR e nasce come fondo comune di investimento immobiliare “a raccolta”, alimentato mediante sottoscrizione delle quote in denaro, da utilizzare per acquistare un pacchetto immobiliare pre-identificato dalla SGR promotrice del Fondo. Pubblicizzato all'epoca come una soluzione d'investimento redditizia (rendimento obiettivo del 5,5 % l’anno), le quote del fondo sono state collocate, ad un prezzo nominale di € 2.500,00, presso il pubblico indistinto dei risparmiatori ed anche da Poste Italiane S.p.A. presso la propria clientela. Purtroppo troppo spesso l’investimento è stato illustrato come qualcosa di sicuro ed adatto anche a pensionati e soggetti che avevano investito sempre in buoni fruttiferi postali o libretti di risparmio. Invece è un investimento in un fondo chiuso, quindi illiquido e, come abbiamo visto, assolutamente incerto e rischiosissimo.

 IL CROLLO DEL VALORE DELLE QUOTE - A pochi mesi dalla scadenza prorogata al 31 dicembre 2018, con nota del 30.7.2018, la InvestiRE SGR S.p.A., società di gestione del Fondo, ha comunicato i dati della relazione semestrale al 30.6.2018, chiusa con un valore complessivo del fondo (NAV) pari a € 3.276.176,00, corrispondente ad un valore unitario delle quote di € 47,619 cadauna. In sostanza, il NAV del fondo è crollato drasticamente, anche a causa della enorme differenza fra i prezzi di stima ed i prezzi reali di vendita del patrimonio immobiliare, vendita operata, in gran parte negli ultimi 18 mesi e a ridosso della scadenza, con sconti spesso superiori rispetto al 50% del prezzo di acquisto dei cespiti (il cui ricavato, peraltro, è stato utilizzato essenzialmente per rimborsare l’oneroso finanziamento assunto dalla SGR nell’anno 2006). Considerando l’investimento iniziale di € 2.500,00 per acquistare una quota del Fondo e la distribuzione, nel corso degli anni, di proventi e rimborsi parziali per una somma pari a €300,00 pro quota, è evidente che, a seguito della definitiva chiusura e liquidazione del fondo, i risparmiatori avranno perso – inevitabilmente – circa l’80 % del capitale investito.

 COSA POSSONO FARE I QUOTISTI – Confconsumatori si è attivata per garantire tutela ai molti risparmiatori che hanno acquistato quote del Fondo immobiliare Obelisco. Secondo gli avvocati di Confconsumatori Antonio Pinto ed Antonio Amendola: per i quotisti del Fondo, è possibile agire dinanzi all’Arbitro per le Controversie Finanziarie istituito presso la Consob:

  • sia nei confronti di Poste Italiane S.p.A. in qualità di soggetto collocatore, o nei confronti del diverso soggetto (ad es. banca) che ha svolto la funzione di intermediario della vendita delle quote del Fondo, per far valere l’illegittimità e i vizi della vendita delle quote del Fondo Obelisco, per ragioni legate all’inadeguatezza ed alla violazione di obblighi informativi. Tali quote del fondo erano infatti collocabili solo a soggetti aventi un profilo di rischio elevato e fornendo dettagliate informative sul prodotto venduto;
  • sia nei confronti della Società di Gestione Investire SGR, al fine di domandare l’accertamento della violazione di taluni obblighi di diligenza imposti dalla normativa di settore nella gestione del Fondo Obelisco; tanto, al fine di richiedere la restituzione del capitale investito e il risarcimento di tutti i danni subiti da ciascun quotista in questa ennesima triste vicenda.

Tra l’altro, nelle ultime settimane sono stati attivati alcuni ricorsi che hanno dato esiti transattivi positivi, atteso che hanno visto i risparmiatori recuperare tutta la loro perdita.

Per informazioni contattare: confconsumatoripuglia@yahoo.it

Scopri l'iniziativa »

BANCA POPOLARE DI BARI: 4 RICORSI ACCOLTI DALL’ACF

Tutti accolti i primi quattro ricorsi presentati dai legali di Confconsumatori e del Comitato degli azionisti: la banca dovrà risarcire i risparmiatori

Bari, 9 marzo 2018 – Sono stati tutti accolti i primi quattro ricorsi presentati all’Arbitro per le Controversie Finanziarie in Consob dai legali di Confconsumatori e del Comitato degli azionisti della Banca Popolare di Bari, avvocati Antonio Pinto ed Antonio Amendola. L’Acf ha dichiarato che nelle vicende prospettate vi erano state plurime violazioni – da parte della banca – della normativa in materia di prestazione dei servizi d’investimento.

Fra i vari punti delle motivazioni, appare importante l’affermazione (contenuta nella Decisione n.300 del 28.02.18), secondo cui la mera consegna o la dichiarazione del cliente di aver preso visione dei documenti, non si traduce in via automatica nell’adempimento da parte della banca degli obblighi informativi, previsti dagli artt. 31 e 32 del Regolamento Consob 2007.

Secondo l’Arbitro: “Per contro, gli obblighi informativi degli intermediari verso i propri clienti si inseriscono in un quadro normativo la cui pietra angolare risiede proprio nella capacità di “servire al meglio l’interesse” del cliente, adattando la prestazione erogata in ragione delle specifiche caratteristiche del contraente (esperienza, conoscenza, obiettivi di investimento, situazione patrimoniale)”.

Il Collegio arbitrale ha quindi condannato la Banca Popolare di Bari a risarcire gli azionisti del danno subito. Il danno è stato calcolato nella differenza fra la somma che gli azionisti avevano pagato per comprare le azioni (rivalutata dall’epoca dell’investimento ad oggi), ed il valore presumibile di smobilizzo dell’azione sul mercato secondario Hi-MTF (oggi, ad esempio, lo scambio dell’azione è ad euro 5,70). Il tutto oltre interessi legali.

La presidente di Confconsumatori, Mara Colla, ha ricordato come “Il lavoro congiunto svolto da sette associazioni del territorio, fra le quali vi è anche Confconsumatori, che si sono riunite in un Comitato unico per la tutela degli azionisti della banca, rappresenta un buon esempio di prassi efficace per tutelare al meglio le ragioni dei risparmiatori”.

Il prossimo passaggio atteso dai circa 70mila azionisti è quello della decisione della Corte Costituzionale, che dopo l’udienza del 20 marzo prossimo, dovrà decidere se la banca è obbligata o meno a trasformarsi in S.p.A. e, nell’ipotesi affermativa, se sussista il diritto degli azionisti a recedere dalla compagine societaria, chiedendo il rimborso del valore dei titoli azionari posseduti.

fonte:www.confconsumatori.it

Scopri l'iniziativa »

AZIONI A RISCHIO, BANCA POPOLARE DI BARI CONDANNATA A RISCARCIRE RISPARMIATRICE 90ENNE

Articolo di Repubblica dell' 8 dicembre 2017 del giornalista Antonello Cassano. L'avvocato Antonio Pinto, presidente di Confconsumatori puglia, ottiene la prima decisione contro la BPB

Un risarcimento da 30mila euro e un giudizio che potrebbe rappresentare un precedente. L'arbitro per le controversie finanziarie ha condannato la Banca Popolare di Bari a risarcire parzialmente una sua azionista per i danni subiti a causa dell'inadempimento della banca di alcuni obblighi nella vendita di azioni. L'azionista in questione è un'insegnante di lettere in pensione. Oggi ha un'età prossima ai 90 anni e tra il 2012 e il 2014 ha acquistato 14mila titoli per un valore complessivo di 111mila euro.

La donna aveva anche provato a vendere le azioni, ma senza riuscirci. Per questo, difesa dal legale Antonio Pinto, ha presentato un esposto all'Arbitro per le controversie finanziarie, chiedendo di dichiarare nullo il contratto di vendita di quelle azioni.

 

Dal canto suo, però, la banca ha presentato una controdeduzione, chiedendo il rigetto del ricorso e facendo notare che la donna, titolare di un conto deposito titoli dal 2004, era stata sottoposta due volte (nel 2008 e nel 2010) a questionari per tracciarne il profilo di competenza finanziaria. Stando a quanto dichiara Bpb, da quei questionari sarebbe emerso "un profilo di rischio alto e un'esperienza finanziaria alta" e che solo dal questionario nuovamente ripetuto nel 2016 "e pertanto in epoca successiva alle operazioni contestate, emergerebbe un profilo di rischio medio- basso ed un'esperienza finanziariamedio-bassa".
 
La decisione dell'Arbitro è di qualche giorno fa ed è importante: l'Acf infatti respinge la richiesta principale (quella di annullare i contratti) ma accoglie la richiesta di accertare la violazione da parte della banca delle "regole di condotta", visto che la donna "non era in grado di percepirne con piena consapevolezza l'elevata rischiosità" . Per l'Acf però il danno totale ammonta a 30mila euro, che è il risultato della differenza tra il prezzo iniziale ( 11mila) e il valore attuale delle azioni (83mila), visto che oggi un titolo è messo in vendita al prezzo di 6,30 euro sul mercato secondario Hi-Mtf.
 
Per il legale dell'azionista, Antonio Pinto, " il giudice non si è fatto condizionare dai formalismi". Esulta il presidente del Comitato in difesa degli azionisti della Bpb, Canio Trione: " Auspichiamo che la banca pervenga insieme alle associazioni a soluzioni di "sistema".

"La banca però conferma la linea già intrapresa nei giorni scorsi in tema di decisioni dell'Acf e cioè che " pur rispettando la decisione precisa che gli intermediari non sono obbligati ad ottemperare alle decisioni dell'Arbitro per le controversie finanziarie " , dichiarandosi certa di poter dimostrare la correttezza del proprio operato nelle sedi di giudizio ordinario. Ma Vincenzo Laudadio di Adusbef avverte: "Chiederemo a un tribunale di condannare la banca a risarcire quanto dovuto".

Scopri l'iniziativa »

I PRESTITI? DIFFICILI SOLO PER CONSUMATORI E PMI

Oggi la Repubblica parla del filone pugliese di imprese che hanno chiesto prestiti a MPS e Veneto Banca senza restituirli, contribuendo al crack. Impossibile non condividere il commento dell'avvocato Antonio Pinto di Confconsumatori Puglia che sta difendendo tanti risparmiatori truffati: «Stride il contrasto con la difficoltà di accesso al credito per i consumatori e le pmi che per somme molto più basse, devono sottostare a rigorosissimi rating e fornire garanzie reali di importo superiore alle somme prestate dalla banca».

Scopri l'iniziativa »

BANCAPULIA: SUL SOLE 24 ORE, PER DESCRIVERE DECISIONE FAVOREVOLE CHE L'AVVOCATO ANTONIO PINTO, PRESIDENTE DI CONFCONSUMATORI PUGLIA HA OTTENUTO PRESSO L’ARBITRO PER LE CONTROVERSIE FINANZIARIE

Con decisione n.112 del 16 novembre, l’ACF ha condannato Bancapulia a risarcire integralmente il valore delle azioni Veneto banca, vendute ad un risparmiatore pugliese, assistito da me e dal mio Collega Antonio Amendola. La sentenza è importante perché, nel condannare Bancapulia, afferma il principio che il Decreto Legge di giugno, che ha tenuto indenne Banca Intesa dalle cause intentate dagli azionisti, non si applica alle banche controllate da Intesa (come appunto Bancapulia) che sono fuori dal perimetro di protezione, concesso dalla legge solo alla banca acquirente.

 

Scopri l'iniziativa »

I SOCI VOGLIONO VENDERE MA NESSUNO COMPRA LE AZIONI, INTERVISTA DEL CORRIERE DELLA SERA ALL'AVV. ANTONIO PINTO, PRESIDENTE DI CONFCONSUMATORI PUGLIA

Articolo del Corriere della Sera del 13 novembre 2017 del Vicedirettore Federico Fubini

Venerdì scorso alle 11.45 si è svolta l’ultima asta in quella che ha l’aria di essere una delle piattaforme finanziarie meno liquide dell’Occidente. Hi-Mtf è un sistema digitale sul quale si possono scambiare i titoli di 14 banche, quasi tutte popolari, che rappresentano centinaia di migliaia di soci e sulla carta più di due miliardi di valore.

 

Il mercato che non c’è

L’esito della giornata è stato simile a quello di un mercato rionale. Si sono concluse compravendite per 592 mila euro (mezzo milione per le Casse di risparmio di Asti e Ravenna, 90 mila euro per la decina di popolari del listino). Si contano 193 scambi, dei quali 41 le banche popolari. Non che non ci fossero venditori: gli azionisti di istituti come la Popolare Pugliese, la Volksbank dell’Alto Adige o la Valsabbina hanno messo in vendita migliaia di pezzi, e ne hanno venduti decine. Semplicemente, oggi sul mercato non si trovano compratori ai prezzi ai quali molte delle banche popolari in Italia hanno venduto le proprie azioni ai clienti. Molte famiglie vogliono rendere liquidi i propri risparmi ma non possono, e il patto sociale fra le banche popolari e i loro soci scricchiola.

 

 

 

Il caso pugliese

Sulla piattaforma Hi-Mtf colpisce una situazione in particolare: sulla Banca popolare di Bari, prima azienda di credito del Mezzogiorno, con un valore teorico superiore al miliardo e quasi 70 mila soci, è avvenuto un solo scambio: qualcuno ha inserito un ordine a uno sconto del 16% sul prezzo-base di 7,5 euro e si è preso cento azioni. Nessun altro ha osato. Dalla parte dei venditori intanto si è arrivati a oltre 12 milioni di pezzi in offerta: i detentori di quasi un decimo del capitale cercano una via di uscita, senza trovarla. Tutta l’Italia sud-orientale è un’area di tensione crescente per i risparmiatori. In Popolare di Bari, Popolare Pugliese e Popolare di Puglia e Basilicata — stima l’avvocato Antonio Pinto di Confconsumatori — circa 140 mila azionisti detengono titoli invendibili, per un valore teorico di 1,6 miliardi di euro. Ma, appunto, il caso del più grande istituto del Meridione fa storia a sé. Non tanto perché si tratta di un caso di banca popolare dagli assetti dinastici: il presidente, Marco Jacobini, è figlio del fondatore Luigi Jacobini e padre dell’attuale condirettore generale Gianluca e del vicedirettore generale Luigi. Né la particolarità dipende solo dal fatto che la procura di Bari in agosto ha reso nota un’inchiesta sui vertici per associazione per delinquere, truffa e false dichiarazioni nel prospetto con il quale fra il 2013 e il 2015 la banca ha raccolto dai soci nuove sottoscrizioni al capitale per circa 300 milioni di euro: gli interessati respingono le accuse, che restano da dimostrare.

 

Le valutazioni gonfiate

A sancire la particolarità del caso Bari c’è anche un altro elemento, che permette di capire come emergano a volte certe valutazioni gonfiate sulle popolari. Nell’autunno dell’anno scorso, quando le azioni sono ormai invendibili, i vertici dell’istituto di rivolgono per una validazione del prezzo a Enrico Laghi. Ordinario di economia aziendale alla Sapienza di Roma, già consulente della Popolare di Vicenza, commissario straordinario per grandi gruppi in dissesto come Ilva o Alitalia, Laghi è in una posizione impeccabile per stimare l’azione della Bari: non ha conflitti d’interesse. Nel suo parere esprime forti dubbi che sia corretto un prezzo a 7,5 euro (già svalutato dagli oltre nove al quale la banca l’ha venduto a molti). Sembra davvero troppo. Però Laghi valida perché nota che a quel prezzo ha accettato di comprare un grande investitore esperto: si tratta di Aviva, con la quale la Bari ha stretto un contratto di banca-assicurazione. È possibile che il gruppo inglese abbia fatto un favore alla Bari e accettato il prezzo gonfiato, per poi rivalersi tramite il proprio accordo? Laghi lo esclude: un «advisor indipendente» (Kpmg) garantisce che il contratto tra Popolare di Bari e Aviva è a prezzi di mercato. 
Ma quanto è indipendente l’advisor sul cui parere si regge il castello della valutazione della Popolare di Bari? In quel momento Kpmg lo sembra, per quanto può sapere Laghi. Non molto dopo però lo stesso consulente firma con la banca un lucroso contratto come advisor per la cessione di un grosso pacchetto di crediti in default. Le decine di migliaia di soci, che in quel momento hanno già comprato le azioni a più di 9 euro, non possono conoscere questi intrecci. Sanno solo che ora trasformare le loro azioni in denaro è impossibile.

Scopri l'iniziativa »

INCONTRO PER GLI AZIONISTI DELLE BANCHE POPOLARI PUGLIESI

Circa 150.000 piccoli azionisti hanno investito quasi un miliardo e settecento milioni di euro, dando fiducia alle banche del loro territorio. Giovedi presso la Camera di Commercio di Bari, terremo un incontro per approfondire strumenti specifici di tutela dei risparmiatori. Siete tutti invitati.

 
 

Scopri l'iniziativa »

POPOLARE DI BARI, AZIONISTI PRONTI A COSTITUIRSI IN GIUDIZIO

Una svolta per 70mila azionisti, un incubo per la banca. La nuova inchiesta della Procura di Bari che coinvolge i vertici della Banca Popolare di Bari potrebbe avere effetti importanti per migliaia di correntisti che da anni provano a vendere le loro azioni e che si sono rivolti agli avvocati pur di riavere indietro il loro denaro. A disegnare un primo scenario è il Comitato per la tutela degli azionisti della Bpb. Costituitosi a novembre scorso, sull'onda delle proteste dei risparmiatori della Popolare, è composto da Adusbef, Codacons, Codici e Confconsumatori. Proprio il Comitato fa notare che i reati di associazione per delinquere e truffa, di cui sono accusati Marco Jacobini e i due figli Gianluca e Luigi, sono pesanti. Ma ancora più deflagranti per il futuro degli azionisti e per la stessa banca potrebbero essere gli effetti dell'accusa di false dichiarazioni nel prospetto informativo depositato alla Consob.

· GLI AUMENTI DI CAPITALE
"Quel reato - dice un rappresentante del comitato - nel caso in cui fosse confermato, potrebbe avere una rilevanza diretta per i soci". Per comprendere questo punto, bisogna tornare indietro agli anni 2013-2015, quando la Bpb vara due aumenti di capitale, il primo per 243 milioni di euro e il secondo per 50 milioni di euro, che si riveleranno importanti anche per acquisire la banca Tercas. Quell'aumento di capitale, secondo l'accusa, sarebbe stato fatto dando prospetti falsi alla Consob. "In un prospetto - spiega un rappresentante di una associazione dei consumatori - la banca comunica tutti i dati sulla propria situazione finanziaria. L'istituto è obbligato a fornire dati finanziari veritieri, anche perché è su quei dati che gli investitori si regolano per acquistare titoli della banca".

Se fosse confermata la tesi accusatoria gli azionisti della Bpb in quegli anni avrebbero acquistato titoli sulla base di dati non veritieri. "Pertanto - è scritto nel comunicato diffuso dal Comitato - gli azionisti sarebbero legittimati a domandare il risarcimento dei danni subiti, per un investimento fatto sulla base di dati di prospetto e di bilancio irregolari". Si tratta di un principio stabilito dalla Cassazione, come spiega Antonio Pinto (Confconsumatori): "In casi come questo, se confermato, chi ha investito ha diritto a chiedere la risoluzione del contratto di acquisto, con conseguente restituzione dell'investimento".

· LE CONSEGUENZE
Un salasso per la banca, tenuto conto che il valore di tutte le azioni distribuite fra i 70mila soci ammontava fino a qualche mese fa a più di un miliardo di euro e che una buona parte degli azionisti si è già rivolta negli anni all'istituto per cercare di rivendere le sue azioni. Ma le conseguenze dell'inchiesta della procura non si esauriscono qui. Sempre il Comitato fa notare che adesso si apre la possibilità di costituirsi come parte offesa nel procedimento contro la banca. "Infatti, alcuni dei reati ipotizzati, laddove accertati, avrebbero un nesso di causalità diretto sia con il prezzo a cui sono state vendute le azioni e sia con le modalità di vendita delle stesse".

· LE MOSSE DELLE ASSOCIAZIONI
Alla luce delle ultime novità giudiziarie, quindi, le associazioni si rimettono in moto. Non a caso il Comitato degli azionisti della Bpb ha convocato un incontro con i suoi iscritti per mercoledì pomeriggio nella sua sede barese per descrivere le azioni di tutela che si potranno intraprendere. Anche perché "le risultanze dell'inchiesta penale consentirebbero pure di acquisire elementi per rafforzare le domande di restituzione degli investimenti da proporre dinanzi al giudice civile, oppure dinanzi all'arbitro delle controversie finanziarie".

· LE VOCI DEGLI AZIONISTI
Intant, gli stessi soci che hanno fatto ricorso contro la banca per cercare di rivendere le loro azioni, tornano a farsi sentire. "È terribile sapere di dover rinunciare a soldi che potrebbero servire per far studiare i propri figli e garantirgli un futuro. Siamo stati presi in giro". Adriano Lorusso è uno dei tanti risparmiatori che si sono ritrovati fra le mani azioni della più grande banca del Sud. Le voci dei risparmiatori sono quasi tutte molto simili. Correntisti appartenenti per lo più alla classe media che, per usare un eufemismo, non hanno grande esperienza in campo finanziario. Ora si ritrovano tra le mani titoli azionari che non possono restituire per riavere indietro i loro soldi. Quasi tutti si dicono beffati.

I casi variano solo per la quantità di denaro investito. Si va dall'imprenditore classificato nei profili di rischio dai funzionari di banca come "investitore esperto" e che si è ritrovato tutta la sua liquidità pari a 396mila euro investita in azioni, alla coppia (invalido disoccupato lui, casalinga lei) di Bari che non sa come rientrare dall'investimento di 30mila euro in titoli. Fino alla signora ultranovantenne che ancora non sa che circa 20mila euro dei suoi risparmi sono stati spesi per comprare titoli della Bpb: "Sua figlia non le dice la verità per tranquillizzarla - conferma l'avvocato Filippo Grattagliano, che segue il caso - se lo sapesse ne morirebbe".

 

Scopri l'iniziativa »

INTERVISTA DEL SOLE 24 ORE ALL'AVV. ANTONIO PINTO, PRESIDENTE REGIONALE PER LA PUGLIA

In attesa di conoscere la proposta di PosteItaliane per compensare le perdite dei quotisti del fondo immobiliare Irs, ecco l'intervista ad Antonio Pinto, componente del direttivo di Confconsumatori, che riassume la posizione dell'associazione.

Scopri l'iniziativa »


Succ. >>

Documenti e pubblicazioni

In questa sezione sono archiviati tutti i documenti riguardanti la tutela del consumatore e la nostra attività>>

Associarsi

Perchè la nostra azione sia più incisiva, è necessario anche il tuo sostegno. Partecipa, proponi e realizza le attività  deliberate. >>

Ultime news

6/10/18: Antonio Pinto intervistato da “La Repubblica”, sulla sanzione comminata dalla Consob a Banca Popolare di Bari

Leggi di più

3/10/18 Fondo immobiliare Obelisco: Titoli “sicuri” che crollano dell’80%: Confconsumatori confida nell’intervento di Poste, ma intanto avvia i ricorsi all’Arbitro per le Controversie Finanziarie presso Consob

Leggi di più

29/08/18 Banca Popolare di Bari, comunicato del Comitato Azionisti

Leggi di più

Newsletter
Eventi

Dimenticato la tessera?

Inserisci il tuo Codice Fiscale o la tua Email e riceverai nuovamente la tua tessera all'indirizzo email dato al momento della iscrizione.

Invia
Area Riservata
Accedi
Seguici su LinkedIn Seguici su Facebook Seguici su Google+